sabato 2 maggio 2015

ACRONIMI SICILIANI E NON SOLO - QUANTA MISERIA

Fosse facile cosi' uscirei tutte le sere con Brigitte Bardot, diceva Benigni in Non ci resta che piangere. Ecco: fosse facile cosi'. Quindi se V pensa di risolversi la vita invischiandosi nella famigerata Ospitalità rurale, che poi è un'impresa modello agriturismo o una variante, certo, una variante infame e peggiorativa, peggio di un B&B, quasi peggio quanto e' peggio la rivoluzione dolce di Latouche, un coglione emerito, che si rifugia in assurdi quali "dobbiamo SPRECARE di meno" (dobbiamo chi? non stai parlando con me vero?), e insomma... infame peggio è la famigerata Ospitalità rurale, perché è vile, chiede soldi, sta a braccetto del sistema, subdolamente e intanto infanga termini sacri come ospitalità e ruralita', ecco: se V pensa di risolversi la vita cosi' non ha capito proprio niente. Di me di noi del mondo. E per me puo' tranquillamente annegare. F dice che V non è estremo come noi. Estremo. Com'è strano il mondo visto da chi ci affoga dentro. Come dire... non tutti quelli che annegano sono estremi come gli altri che cercano di salvarsi respirando aria invece che acqua. Estremo. Estremo come il capo estremo di un filo al cui opposto dell'ignifugo c'è la pira con sopra Giovanna D'Arco. E allora sia, estremo sia, sia l'estremo come e' sempre stato. Estremista. Se questo è l'estremo.
A TDA saliamo di rado per comperare. Un punto a sfavore. A TDA stamattina incontriamo il mondo. La signora col marito affianco se la piglia con i Black Block che hanno rovinato il primo giorno dell'expo' a Milano. Ah ecco: c'è l'expo' a Milano. Quante scoperte. La signora dice che capisce la protesta ma che senso ha distruggere le macchine di chi lavora? di chi si fa il culo e paga il mutuo? Il marito dice che si dovrebbe andare a Roma a protestare, dai politici, cacciarli tutti. Chiaro, come glielo spieghi? E soprattutto perché glielo spieghi? Cosa dici: signora sa, non e' una protesta, è un atto di guerra, e lei, signora, è un'infame. Come dico? infame? e perché? Già, perché. Il mutuo lo chiede nella banca che ci affama, si rivolge al sistema che combattiamo, quindi lei signora, seppure senza capirci un cazzo, è il nostro nemico. E la guerra e' cosi' disperata che preferiamo colpire dove si puo'. Ha fatto un mutuo? non riuscira' a pagarlo per aver perso una macchina? Non ci credo, ma nel caso bene signora, uno a zero per noi. E poi non ha l'assicurazione signora? Ecco, allora e' ancora di piu' un nemico, un fiancheggiatore. E questo come minimo. Certo, il lavoro rende liberi signora. Lei e' un Kapo'. L'ombrello dei politici poi, velo pietoso sul marito. Se il qi è inferiore alla temperatura ambiente non va bene. Il qi non è una birra, nemmeno un bianchetto e neanche un vino rosso. 
Ma che gli dici? che gli spieghi? Lei è il nemico, signora. Sarebbe come dire che vai dal cavaliere nero e gli dici: io sono Lancillotto, tu sei cromaticamente il mio avversario e per questo e' giusto se ti tiro colpi di spadone sulla zucca. Sai che bello. E il cavaliere nero o sbianca o dice: ok, e' giusto, ho capito perché mi ci dai addosso di ferro pesante. 
Ma via, meglio lasciare la parola alla lama, no?
Quindi eccoci di ritorno a Tieffe. In tempo record. 
Al ritorno due ragazzi su una Punto ci danno un passaggio. 29 anni lui, infermiere, deve andare a lavorare in Inghilterra, qui non trova lavoro. A pecora sta. 
Quanta miseria.
Vorrei dirgli che oltre la collina ci sono case libere e terra da coltivare.
Invece dico solo "Quanta miseria". Sorrido e vado via.


8 commenti:

  1. bisogna aspettare che si arrivi a comprendere da sé... ma ne deve passare tanta di miseria! Io mi sono demoralizzata anche di tutti quelli che parlano e parlano. Ho smesso di farlo. Vado via anch'io. ops, mi sono dimenticata di sorridere a quelli là :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non credo sia possibile aspettare rimanendo incolumi.purtroppo le scelte altrui consumano terreno intorno e provocano pioggia di merda.per me reagire agli idioti o soprassedere è un fatto di numeri o opportunità. candidamente lo confesso.

      Elimina
  2. sto mettendo in dubbio tante cose ultimamente, me stessa compresa.
    adesso sto pensando che il tuo commento, scritto ad esempio da un terrorista e integralista islamico che probabilmente è animato dalla stessa idea, porterebbe a conseguenze di morti inutili e senza neanche senso morale.
    No, mi dispiace. Forse sono diventata troppo vecchia. Ma vorrei solo percorrere la mia strada. Sono pessimista sulla possibilità di numeri che portano bene, Non credo neanche in quei numeri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. terrorista è un termine che non so bene assegnare al significato corrente. integralista islamico, pure. inoltre il paragone non risponde all'istanza.ossia: per chi vive la vita al riparo, trovandosi in un momento storico e luogo sociale/geografico utile a una tana, magari non è urgente rispondere a quelle necessità di sopravvivenza e dignità che altri sentono mancanti. forse e dico forse questo puo' essere vero. chiaro, poi c'è da scoprire dove sia la dignità, oggi, di quelli panciuti e nulli, e cosa ne sia stato della loro stessa sopravvivenza in mezzo ai fumi delle acciaierie. ma sorvolando sulla questione resta aperta l'istanza guerresca che bussa sempre piu' forte alla porta.dire che la guerra la fanno i militari o che usavano parole simili persino i nazifascisti,ad esempio, il paragone storico insomma, lascia inalterata la questione del "cosa si fa". chiaro: si puo' anche aspettare immobili la morte. anzi: forse si puo' fare solo questo.

      Elimina
  3. Anzi si può fare solo quello: aspettando la morte oppure godot. Nel frattempo si può sognare e chiacchierare davanti a un bicchiere di vino o a un bicchiere di tè o semplicemente davanti a un fuoco. Non voglio più fare nessuna guerra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vada per vino e fuoco. e se te deve essere che sia freddo, possibilmente al limone...

      Elimina
  4. C'è bisogno di riprendersi le parole : quando si fanno deragliare i significati si fa una operazione di mistificazione. E' un esercizio (quello della mistificazione) infettivo: una volta avviato fa cadere le tessere del domino a catena. Inutile fare esempi, ne siamo circondati. Non ho la più pallida idea di cosa si possa fare, forse bisogna solo aspettare che il polverone si abbassi. PENSO SOLO DI BUTTARCI SOPRA UN PO' D'ACQUA A TUTTA 'STA POLVERE...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si parla a vanvera e non si sa dar peso a quel che si dice. la gente e' confusa e spaventata. e poi e' pieno di stupidi.

      Elimina